Site icon Ai Trading

Niger: economia sotto pressione dopo il golpe – sanzioni e finanziamenti internazionali a rischio

Niger

Niger

Le difficoltà economiche del Niger dopo il colpo di stato del 26 luglio, che ha destituito il Presidente Mohamed Bazoum, si stanno facendo sempre più evidenti. Il paese si trova di fronte a una prospettiva economica cupa, segnata dalla riduzione dei finanziamenti internazionali e dal peso delle sanzioni imposte dalla Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (ECOWAS).

Il Niger, uno dei paesi più poveri del mondo, dipende fortemente dall’assistenza internazionale per sostenere la sua economia. L’Unione Europea (UE), un partner cruciale per il Niger, aveva promesso un sostegno finanziario sostanziale di 503 milioni di euro (554 milioni di dollari) per il periodo 2021-2024, con l’obiettivo di migliorare la governance, l’istruzione e la crescita sostenibile all’interno del paese. Tuttavia, a seguito del colpo di stato, l’UE, in linea con altri partner internazionali come la Francia, ha interrotto rapidamente il suo sostegno finanziario.

Di conseguenza, il sostegno finanziario al bilancio del Niger è diminuito significativamente, passando da un valore previsto di 1,166 miliardi di dollari a soli 254 milioni di dollari, come indicato in uno studio congiunto della Banca Mondiale (BM) e del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM). Per i progetti di sviluppo, la situazione è ancora più critica, con solo 82 milioni di dollari (pari allo 0,55% del PIL) previsti per il 2023, molto al di sotto degli 625 milioni di dollari previsti (pari al 3,6% del PIL). Questa sospensione avrà un impatto negativo sulla capacità del paese di realizzare progetti e gestire i suoi impegni finanziari.

Questi dati, aggiornati all’inizio di ottobre, non tengono conto della sospensione dei programmi di sostegno esteso da parte di Washington, che ammontano a circa 500 milioni di dollari.

Niger tra vincoli di bilancio e carenza di entrate

Il Niger dipende pesantemente dalle entrate interne per il 62% del suo bilancio, secondo i dati dell’UE. A ottobre, il regime militare ha preso una decisione drastica, annunciando una riduzione del 40% del bilancio nazionale per il 2023. Questa decisione è stata attribuita principalmente alle “severe sanzioni imposte dalle organizzazioni internazionali e regionali”, che minacciano di far precipitare il paese in una crisi finanziaria, mettendo a rischio le entrate sia esterne che interne.

Le sanzioni dell’ECOWAS hanno impedito al Niger di accedere al mercato finanziario regionale dell’Unione Economica e Monetaria dell’Africa Occidentale (WAEMU) per il finanziamento del bilancio e altre operazioni bancarie. Di conseguenza, le autorità nigerine hanno chiesto ai contribuenti di pagare le tasse in contanti, aggirando il conto del Tesoro congelato. Di fronte a un calo delle entrate, il governo ha scelto di dare la priorità al pagamento degli stipendi dei dipendenti pubblici a discapito degli investimenti pubblici, come indicato nell’analisi della BM. Inoltre, la nuova amministrazione ha mancato diversi pagamenti di interessi, aumentando gli arretrati e potenzialmente portando alla sospensione di ulteriori aiuti finanziari internazionali.

La sospensione della fornitura di elettricità dal vicino Nigeria, che rappresentava il 71% del consumo del Niger prima del colpo di stato, ha aggravato i problemi energetici del paese.

Exit mobile version